Caterina Campodonico: la venditrice di nocciole!! (also English version)

Caterina Campodonico: la venditrice di nocciole!! (also English version)

“Misto Chiavari”: le nocciole del Tigullio e del suo entroterra.

E nisseu de mâ.

Ne è passato di tempo, da quel lontano 1882, quando Caterina Campodonico, venditrice ambulante di

nocciole e canestrelli, si faceva immortalare dal famoso, e costoso, scultore Lorenzo Orengo in una delle più belle statue visibili a Staglieno. Quelle collane di nocciole che avvolgono Caterina, le famose “reste”, sono il segno della grande importanza, economica e sociale, che la coricoltura ha avuto a lungo in Liguria. La coltivazione della nocciola nell’area delle valli chiavaresi, Sturla, Fontanabuona e Graveglia, risale addirittura all’anno Mille. Una serie di atti all’archivio notarile di Chiavari fissa le prime tracce documentali di questa attività a partire dall’inizio del XVI secolo, in particolare nel comune di Mezzanego. Un’attività importante fino agli anni Ottanta. Poi, come altrove, lo spopolamento delle campagne e l’abbandono delle vecchie colture.

Ma una storia tanto importante non poteva finire. Così oggi, grazie alla passione di soggetti diversi, la nocciola del Tigullio è sul mercato per offrire la sua particolare qualità. Camera di Commercio di Genova, Ente Parco dell’Aveto, Cooperativa Agricola Rurale Isola di Borgonovo e agricoltori locali: insieme per valorizzare un prodotto eccellente, ottenuto seguendo un rigido disciplinare e tutelato dal Marchio collettivo geografico “Misto Chiavari”.

Tapparona, Dall’Orto, Del Rosso sono tre delle otto diverse cultivar autoctone che creano un’esplosione di sapore, completa, bilanciata, complessa e con le sfumature che solo i migliori blend regalano. E’ proprio la varietà il punto di forza del “Misto Chiavari”.
Non solo gola, però. Le nocciole “Misto Chiavari” sono ottime anche dal punto di vista nutrizionale, perché appartengono alle varietà con il maggior contenuto di acidi grassi insaturi, i migliori per il controllo dei trigliceridi e del colesterolo ‘cattivo’ (LDL). Oltre, naturalmente, all’importante apporto di vitamina E e di fitosteroli, importanti per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

I soci della Cooperativa Agricola Rurale curano noccioleti adagiati sui terrazzamenti che disegnano il tipico panorama agricolo dell’entroterra ligure. Terreni impervi, difficili per l’uomo e per le piante. Tecniche e saperi colturali antichi, i soli possibili quando le concessioni alla modernità sono impedite dalla morfologia del territorio. Una fatica ripagata però da prodotti d’eccezione, così lontani dagli standard della produzione di massa.

La nocciola di Mezzanego si consuma ‘in purezza’, al naturale o tostata, ma per le sue qualità è particolarmente adatta anche all’uso in pasticceria e cucina. La cooperativa Agricola Rurale offre in vendita le nocciole dei propri soci, oltre a una serie di altri prodotti elaborati a partire dalla preziosa materia prima: torroni, praline di nocciola, baci di dama, una speciale crema di nocciole e anche una base pronta per la produzione di gelato alla nocciola “Misto Chiavari”, particolarmente apprezzato dalle migliori gelaterie liguri. Prodotti di alta qualità, con una garanzia totale per il consumatore: solo materie prime naturali, nessun impiego di olio di palma o di altri additivi artificiali.

Semplicemente nocciole, proprio come quelle di Caterina nella Liguria di tanti anni fa.

“Misto Chiavari”: The Hazelnuts of Tigullio and Its hinterland.

E nisseu de mâ.

A long time has passed since 1882, when Caterina Campodonico, sales woman of hazelnuts and canestrelli, was immortalized by the famous sculptor Lorenzo Orengo, visible in one of the most beautiful statues in Staglieno, Genoa. Those necklaces of hazelnuts that wrap Catherine, the famous “reste”, are the sign of great importance, economic and social, that hazelnut had for a long time. The cultivation of hazelnuts in the Sturla, Fontanabuona and Graveglia valleys dates back to the year 1000. A series of entries in the Chiavari notorial archives date back to the 16th century, especially in the municipality of Mezzanego, note the sale of hazelnuts, an important activity up to 1980s. Then, like elsewhere, the depopulation of the countryside and abandonment of the old crops almost ended it completely.

But a story this important could not finish. So today, thanks to the passion of numerous individuals, the hazelnut of Tigullio is on the market to offer its particular quality. The Chamber of
Commerce of Genova, Aveto Park, our Cooperative and local farmers are working together to promote an excellent product, that is obtained by following rigid

guidelines and sold under the trade mark mark “Misto Chiavari”.

Tapparona, Dall’Orto, Del Rosso are three of the eight different native cultivars that create an explosion of flavor, complete balance, a mix with the nuances that only the best blend features. This variety is precisely the ” Misto Chiavari”. Not only good, but the “Misto Chiavari” hazelnuts are excellent from a nutritional point of view, because they belong to varieties yhay have a higher content of unsaturated fat acids, which are controingl triglycerides and ‘ bad ‘ cholesterol (LDL). In addition, this cultivars are providing vitamin E and phytosterols, which are important for the prevention of cardiovascular disease.

The Coop members farm the hazelnut trees on the terraces of the typical agricultural landscape of the Ligurian hinterland. This terrain is difficult for humans and plants. Ancient farming techniques and knowledge are the only way to farm it. The concessions to modernity are prevented by the topography of the territory. This effort is evident in the products, so far from the standards of mass production.

Mezzanego hazelnuts are consumed ‘ pure ‘, plain or toasted, but for its quality is
particularly suitable for use in pastry and cuisine. The Coop sell hazelnuts provided by its members, plus a number of other products produced from precious raw material: nougat, hazelnut praline, baci di dama, a special cream of hazelnuts and even a ready base for the production of hazelnut ice cream “Misto Chiavari”, especially appreciated by the best ice cream makers. These are high quality products with a total guarantee for the consumer: only natural raw materials, no use of palm oil or other artificial additives.

Simply nuts, just like those of Catherine in a Liguria of many years ago.

Lotteria di Pasqua!!

Lotteria di Pasqua!!

Se volete vincere un fantastico primo premio, considerando che anche il secondo e terzo non sono da trascurare, comprate i biglietti della nostra lotteria, i premi verranno estratti a Pasquetta nel pomeriggio durante la degustazione libera nel nostro frantoio!!

Potete acquistare i biglietti della lotteria a 2 euro ciascuno in frantoio da Nadia o da Selene (in giro per il mondo XD)!!

Qui sotto le foto del primo premio!! E’ un’occasione fantastica per vincere tanti prodotti di prima qualità!!

 

E’ stato approvato il marchio “Misto Chiavari” per la nocciola locale!!

E’ stato approvato il marchio “Misto Chiavari” per la nocciola locale!!

Articolo tratto da CorFole.

“MISTO CHIAVARI”: nato un marchio per valorizzare le nocciole locali – Il giorno di Pasquetta degustazione in frantoio (Ore 16.00-19.00)

“MISTO CHIAVARI”: nato un marchio per valorizzare le nocciole locali - Il giorno di Pasquetta degustazione in frantoio (Ore 16.00-19.00)

Dopo un lungo percorso è stato approvato il marchio “Misto Chiavari” che a breve verrà depositato per la registrazione definitiva. Tutto questo è stato possibile grazie all’impegno della Camera di Commercio di Genova in collaborazione con alcune aziende locali. Un traguardo molto importante: la valorizzazione della nocciola locale e allo stesso tempo la salvaguardia di una parte importante del nostro territorio.La zona di Mezzanego e della Fontanabuona è storicamente terra di noccioleti, per questo tra i promotori c’è la Cooperativa Agricola di Borgonovo che utilizza le nocciole locali locali per la produzione di creme, biscotti e pasta per gelato che potete trovare in frantoio e in diversi negozi (elenco sul sito). E per i buongustai c’è un’altra novità: “L’olio extra vergine al Tartufo Bianchetto” e il tartufo della Val Bormida per un raffinato “Made in Liguria”.

Pasquetta degustazione in frantoio (Ore 16.00-19.00)

INFO: 349.0063440 www.frantoiooleario.it
frantoioborgonovo@gmail.com

http://www.corfole.it/lettura_notizie.php?page=2&id=5672&tb=news_giornale&ctg=edizione+cartacea&t=“MISTO+CHIAVARI”%3A+nato+un+marchio+per+valorizzare+le+nocciole+locali+-+Il+giorno+di+Pasquetta+degustazione+in+frantoio+%28Ore+16.00-19.00%29