Festival delle 4 Province a Volpedo:ci saremo anche noi!

Festival delle 4 Province a Volpedo:ci saremo anche noi!

Festival delle 4 Province

29 giugno – 1 luglio 2018, II edizione

L’APPENNINO SI METTE IN MOSTRA CON  ARTE, MUSICA, CULTURA, NATURA e

ENO-GASTRONOMIA DELLE 4 PROVINCE

VOLPEDO – Da venerdì 29 giugno a domenica 1 luglio, si terrà la seconda edizione del Festival delle 4 Province, organizzato da Doorway toche raccoglie le associazioni dei vari versanti appenninici delle province di Alessandria, Genova, Piacenza e Pavia.

Tre giornate ricche di appuntamenti di musica, storia, natura, eno-gastronomia e performing arts rese possibili anche grazie a realtà come Almo Nature e Viridea (specificamente selezionati perché condividono i valori delle associazioni organizzatrici) e che si snoderanno lungo le vie e le piazze del borgo di Volpedo, storicamente porta di accesso valliva tra la pianura e il mare.

Il tema centrale di questa edizione del festival sono “le connessioni innovative”, ossia le potenzialità delle valli delle 4 Province di creare reti e mettere a valore un ricco patrimonio naturale storico e culturale. L’idea è che questi territori appenninici, pur divisi amministrativamente in 4 diverse Province (e Regioni), siano accomunati dallo stesso repertorio musicale legato al piffero (non a caso preso come simbolo del festival) così come da modi di vivere e produrre simili, che si sono trasmessi lungo la fitta trama di cammini della via del sale. Non c’è solo questo però. In seguito allo spopolamento negli anni dell’industrializzazione, i paesi e i borghi dell’area vivono una simile condizione di marginalità che può essere contrastata solo con nuove interconnessioni e una strategia di area vasta.

«La bellezza e le eccellenze di questi territori li rendono un museo diffuso a cielo aperto. Le risorse però da sole non bastano allo sviluppo territoriale se non diventano elementi di cooperazione tra soggetti privati e istituzioni, se non si attiva una rete di relazioni stabili tra gli attori» – afferma Eugenio Bozza, Presidente dell’Associazione Doorway to- «Doorway to, che letteralmente significa “Porta d’accesso” è nata proprio per unire e coordinare le attività delle realtà delle 4 Province».

La manifestazione si configura, quindi, come un’occasione per richiamare visitatori dall’esterno a esplorare la ricchezza del territorio e, al contempo, un modo per “disvelare” ai suoi abitanti le tante potenzialità dell’area, ancora non adeguatamente sfruttate. Dal turismo lento di tipo escursionistico a quello più esperienziale legato alla cultura dei luoghi.

«C’è un doppio valore nel Festival delle 4 Province che ci ha fatto aderire con entusiasmo al progetto» – spiega Silvana Macri, co-fondatrice del progetto di sviluppo locale “Confluenze” in Val Tidone– «il programma rispecchia pienamente la visione che ha ispirato la nostra iniziativa, vale a dire dà la possibilità di scoprire il territorio a chi viene da fuori ed è un’occasione di confronto e condivisione di esperienze per chi vive le valli in maniera quotidiana».

L’obiettivo degli organizzatori è quindi quello di dar vita a un evento che, a partire da nuove connessioni, inneschi opportunità di sviluppo territoriali collegate alla valorizzazione della bio-diversità, alle produzioni tipiche e alla storia e cultura. In quest’ottica, il Festival delle 4 Province propone un’offerta culturale che mette in rete produttori locali, ristoratori e associazioni.

 

Il Festival prenderà avvio venerdì 29 giugnocon la corsa del Quarto Stato, organizzata dall’Associazione Azalaia cui seguirà una serata di musica nella piazza centrale di Volpedo con tante proposte eno-gastronomiche per i corridori e per tutti gli altri visitatori.

 

Sabato 30 giugnosi aprirà con il Mercato contadino delle 4 Province, che nasce dalla collaborazione tra Antico Mercato di Volpedo, Terra e Gente del Giarolo, Contadini Resistenti del Piacentinoe Consorzio Ospitalità Diffusa del Parco dell’Aveto. Un gruppo di contadini, allevatori, vignaioli, birrai, artigiani e ristoratori locali che condividono una medesima visione dell’agricoltura, naturale legata al territorio. In questa prospettiva, i prodotti locali si configurano come un ponte tra il passato e il presente attraverso il quale si trasmettono le colture e i saperi tradizionali. Durante la mattinata si alterneranno momenti di degustazioni che culmineranno con il ristorante del mercato fatto solo di prodotti locali. L’iniziativa, si svolgerà al mercato coperto di Piazza Perino e sarà coordinata dall’Associazione La Strada del Saleche ogni sabato mattina gestisce a Volpedo il mercato di prodotti biologici e di artigianato locale.

In parallelo, partiranno escursioni in bici, anche elettriche,organizzate da Ciclomania di Vogherae escursioni guidate di Nordic-walkinga cui possono partecipare anche i nostri amici a 4 zampe  a cura dell’Associazione Lupercalia.

A pranzo si potrà sceglieretra il ristorante del mercato e i tre ristoranti di Volpedo: Bistrot Malaspina, Piccola osteria di Casa Stringa eVineria Fragòlache per l’occasione proporranno menù particolari finalizzati a valorizzare i prodotti locali e le ricette della tradizione delle 4 Province.

Nel pomeriggio e fino alla sera di sabatoil programma continuerà all’insegna dell’arte e dell’intrattenimento:

  • alle 15.00 – Epagaya– spettacolo per bambini, organizzato dalla compagnia gli Smaramaldi
  • alle 17.00 – Sogno di una notte di mezza estate– teatro itinerante messo in scena dai ragazzi del liceo Peano di Tortonasu ispirazione dell’opera di Shekespeare.
  • alle 21.30 – Spettacolo musicale dell’ensemble  Enerbia– gli Enerbiasono  uno dei più importanti gruppi italiani attivi nel campo della musica tradizionale e antica e dedicano il loro lavoro di ricerca principalmente alla valorizzazione del repertorio dell’Appennino nord-occidentale quello in cui rientra il territorio delle 4 Province. Sono anche tra i più attivi organizzatori del festival dell’Appennino nelle valli Piacentine.

Per tutto il pomeriggio e a cena, tra rappresentazioni teatrali e musicali, i ristoratori e i bar di Volpedoproporranno lungo Via Pellizza e in piazza Libertà un’iniziativa che hanno voluto chiamere “pAssaggiando”con l’intento di unire il piacere del passeggio a quello della degustazione e scoperta dei sapori locali.

 

Anche la giornata di domenica 1lugliosarà ricca di proposte, nate dalle infinite risorse delle nostre valli e dalla passione delle tante Associazioni locali che hanno aderito al Festival. Tutte le iniziative hanno l’intento di dimostrare quante cose belle, buone e interessanti ci siano nel nostro territorio. Per questo le Associazioni vi aspetteranno con i loro banchetti al mercato coperto in piazza Perino dove si potrà scegliere tra tante iniziative adatte a tutti i gusti:

  • per gli amanti dello sport e della natura
    • dalle 10 – escursioni in bici per i colli di Volpedo organizzate da Ciclomaniadi Voghera
    • dalle 10 – passeggiata tra i vigneti e i dipinti di Pellizza a Monleale, organizzata da Associazione Calyxinsieme all’Associazione Pellizza
    • per tutta la mattina e il pomeriggio – laboratori di invasamento di piantine organizzati da Virideagrande sostenitore del nostro festival.
  • per chi vuol vivere il Festival insieme al proprio amico a quattro zampe
    • alle 9 – Almo Nature, appassionati sostenitori del festival, organizza la “zampettata in libertà” sulle colline di Volpedo,
    • alle 17 – sul prato della Pieve, l’Associazione Lupercaliaorganizzerà la “ludoteca dei cani” giochi di fiuto, pet-therapy e attivazione mentale per cani ospiti insieme a adulti e bambini
    • alla mattina e al pomeriggio – l’Associazione Pandoraorganizzerà laboratori per costruire, con materiali di recupero, cucce ed altri oggetti per far giocare i propri animali domestici.
  • per i più piccini, dalla mattina e per tutto il pomeriggio, la Cooperativa Valli Uniteallestirà una “fattoria didattica”nel porticato davanti al municipio per organizzare attività ludico-ricreative.
  • per chi crede alla valorizzazione e allo sviluppo del territorio delle 4 province, nello spazio dibattiti al mercato coperto in piazza Perino, si alterneranno le seguenti tematiche:
    • alle 10,30 (fino all’ora di pranzo) – “Le 4 Province, dove eravamo rimasti?Intervista al territorio tra passato, presente e futuro” – tavola rotonda organizzata dall’Associazione Forestieri con esperti e attori locali sul tema dello sviluppo delle nostre valli.
    • alle 15,00 – “Farmers & Predators” progetto presentato da Almo Nature – Fondazione Capellinoche cerca di ridurre, in modo pacifico, il conflitto tra allevatori e lupi attraverso l’addestramento e la fornitura di cani da guardia per gli allevatori che scelgono di non adottare misure cruente per controllare i predatori.
    • alle 15,30 – “I cavalli selvaggi del parco dell’Aveto” esperienza unica in Italia di cavalli allo stato brado, raccontata dagli esperti del Consorzio Ospitalità Diffusa,che promuoveranno anche le escursioni guidate alla scoperta del comportamento, la socialità e i cicli vitali dei cavalli in natura.
    • a seguiretante altre presentazioni di progetti e iniziative delle associazioni locali.
  • per gli amanti dell’arte, al pomeriggio, partiranno le visite guidate a cura dell’Associazione Pellizzaal borgo antico, allo studio, al Museo Pellizza e alla Pieve di San Pietro che risale all’anno mille.
  • infine per chi ama l’enogastronomia, la musica e i balli delle 4 Province,insomma la convivialità in senso pieno, dall’ora di pranzo e per tutto il pomeriggio ci sarà pAssaggiando in musicaun momento in cui si potrà abbinare il piacere del passeggio a quello della degustazione di sapori locali in uno spazio che sarà anche animato dagli artisti di strada della Compagnia Retrò, dal piffero di Andrea Ferraresi, dalla fisarmonica di Yuri Domenichellae dai ballerini delle 4 Provinceper suonare e ballare tutti insieme per le vie e le piazze di Volpedo fino al termine del Festival.

Per approfondimenti sul programma in continua evoluzione: www.festival4province.it

Nuovi oli aromatizzati!!

Nuovi oli aromatizzati!!

Ecco i nuovi oli aromatizzati, sono sette: basilico, peperoncino, zenzero, rosmarino, bergamotto, tartufo e affumicato.

Questi oli sono fatti con olio nostrano del Frantoio e distillati di materie prime.

Ecco anche la foto del primo ordine di oli aromatizzati per l’estero! 😀